Libri protagonisti. Tre proposte per modellare gli ambienti con le librerie

di Elena Fassio e Paola Addis

Foto di Ewout Huibers

Colorati, significativi e arricchenti, i libri possono diventare il fulcro di un’abitazione, usandoli anche come elemento di progettazione

Il libro è una delle cose più personali che si possano avere in casa. Ognuno possiede libri diversi a seconda delle sue passioni, delle sue esperienze e dei luoghi in cui ha vissuto. Ogni libreria racconta quindi una storia di incontri e di persone, ma racchiude anche tante storie stampate a inchiostro. Una collezione di libri può cambiare nel tempo, seguire la nostra crescita, arricchirsi sempre più o diventare accuratamente selezionata. A differenza dell’e-book, comodissimo e funzionale ma digitale, i libri esposti permettono di avere costantemente sott’occhio tutto ciò che si è letto e si leggerà. Sono oggetti puri e affascinanti, che influiscono positivamente sul benessere abitativo e sull’umore, anche se non si ha tempo di aprirne uno.

Pubblicità

Dove metterli? Se un tempo le librerie si trovavano solo in soggiorno o, per i più fortunati, nello studio, oggi i libri hanno invaso tutte le stanze della casa, e non solo nella classica scaffalatura. «In cucina si trovano spesso intere ante o piccole librerie dedicate a libri di ricette, riviste o romanzi da leggere mentre si attende il termine di una cottura», spiega l’architetto Tommaso Giunchi. «In camera da letto si possono creare zone dedicate alla lettura e al relax, con poltroncina, tavolo e libreria dedicata. Nelle camere dei bambini si può trovare una libreria che integra volumi scolastici, fumetti, romanzi. Ma i libri si possono mettere anche sui ripiani delle scale, in vani appositamente creati dietro i divani. Se le misure e la progettazione lo permettono anche in bagno».

Come usarli? Normalmente aprendoli e leggendone il contenuto. Ma i libri in casa possono avere molti altri usi. «I libri arredano. Riempiono una parete di colori, di storie, di cultura e viaggi. Se i clienti hanno tanti libri è importante valorizzarli e cercare di progettare la casa su misura», continua l’architetto. «Le pareti attrezzate, specialmente se create su misura per i tipi di libri che conterranno e per il posto che occuperanno, possono separare ambienti, creare nuovi volumi, nascondere passaggi e stanze, muoversi a seconda della necessità».

Foto di Simone Furiosi

Passaggi segreti tra gli scaffali

di Tommaso Giunchi

Guarda il progetto sulla Rivista Digitale

Foto di Francis Dzikowski/Otto

Una dimora per artisti a Brooklyn

di Baao Studio

Guarda il progetto sulla Rivista Digitale

Foto di Ewout Huibers

Un loft diventa galleria verticale

dello studio i29.

Guarda il progetto sulla Rivista Digitale

Articolo pubblicato su 100 Idee per Ristrutturare novembre 2021

Guarda i progetti sulla rivista digitale

© Riproduzione riservata.

Partner

I più letti

Luce senza confini

Schüco LivIngSlide Panorama Evolution è l’alzante sco...

La cucina a mezza vista

Ampio spazio e discrezione. Schermare parzialmente la...

Libri protagonisti. Tre proposte per modellare gli ambienti con le librerie

Colorati, significativi e arricchenti, i libri possono...

Una dimora per artisti a Brooklyn

Di libri e di gatti Un professore, l’amministratore...

Passaggi segreti tra gli scaffali

Volumi nascosti Nella zona più antica di Milano, du...

100 Idee per Ristrutturare su Instagram