Su più livelli. Tre idee per sviluppare una casa in altezza

di Elena Fassio

Foto di Francis Dzikowski/Otto

Le abitazioni storiche sviluppate in altezza hanno grande fascino e, rispettando il contesto circostante e con una distribuzione funzionale degli spazi, anche grande comodità

Anche se oggi i criteri urbanistici e abitativi sono cambiati – portando a prediligere lo sviluppo in pianta – in passato le abitazioni erano spesso concepite su più livelli. Che siano inserite in un contesto cittadino storico o in un borgo rurale, le case che si sviluppano in altezza hanno carattere e fascino. Se si vuole ristrutturare una casa antica multilivello mantenendone l’involucro, e coniugarlo con gli standard di comfort moderni, però, bisogna ripensare gli spazi con strategie salvaspazio e funzionali alla vita nell’abitazione.

La facciata. Il grande punto di forza delle case su tre livelli è la facciata che si apre verso l’esterno, che sia una strada cittadina o un paesaggio montano. È consigliabile, perciò, mantenere la facciata libera, spostando la scala verso il fondo o comunque dove non ci sono aperture. «Spesso le case antiche prendono aria e luce soltanto da un lato, quindi la facciata va sfruttata al meglio», spiega l’architetto Rocco Borromini. «Nelle case alte e strette, normalmente, le strutture portanti sono ai lati, quindi diventa facile svuotare visivamente il centro e alleggerirlo il più possibile, sfruttando anche le trasparenze del vetro e i profili sottili negli infissi e nelle solette superiori».

Gestire gli spazi. La disposizione degli ambienti all’interno dell’edificio – zona giorno al piano terra e zona notte ai piani superiori – non è affatto obbligatoria a livello strutturale, ma spesso rimane la più funzionale. «Se la casa dispone di un giardino o di un altro spazio esterno, progettare la zona giorno al piano terra permette di dare continuità fra interno ed esterno e di legare la vita all’interno dell’abitazione alla vista sull’esterno», continua l’esperto. «Allo stesso modo, la zona notte, dall’alto del terzo piano potrà godere di una vista impareggiabile. Non è tuttavia un obbligo, dipende tutto dalle esigenze e dai gusti del cliente, che magari preferisce un soggiorno panoramico»

Inserirsi nel contesto. Per quanto modernizzata, aperta verso l’alto e verso l’esterno, bisogna sempre ricordare che la ristrutturazione di una casa antica deve essere coerente con il contesto circostante. «La cosa migliore è utilizzare gli stessi materiali degli edifici circostanti, quando non addirittura materiali di recupero che vengono dalla medesima zona, come il legno o la pietra», conclude Borromini. «Se si vuole dare un tocco moderno si può optare per vetro e metallo, che non stonano in contesti tradizionali ma danno un sapore industriale».

Foto di Francis Dzikowski/Otto

Stile anglo-italiano a New York

dello studio BAAO Architects

Guarda il progetto sulla Rivista Digitale

Foto di Marcello Mariana

Da rudere a villetta sulle Alpi

di Architetto Rocco Borromini

Guarda il progetto sulla Rivista Digitale

Foto di Imagen Subliminal

Panorama sul Mar Cantabrico

dello studio GarciaGerman Arquitectos

Guarda il progetto sulla Rivista Digitale

Articolo pubblicato su 100 Idee per Ristrutturare ottobre 2021

Guarda i progetti sulla rivista digitale

© Riproduzione riservata.

Partner

I più letti

Una casa tutta per sé

Anche quando è di dimensioni contenute, la casa di un...

Cucine a scomparsa, tre proposte per nascondere pentole e fornelli

Le cucine a scomparsa sono il prodotto di un vivere ci...

Una storia di casa

Il tempo è un’artista che dona vita e carattere. Il su...

Open Space, tre idee per un ambiente unico e multifunzione

Arioso, conviviale e luminoso. Le nuove abitazioni rin...

Eleganti nascondigli

In un appartamento romano, lo stile classico si unisce...

100 Idee per Ristrutturare su Instagram