Vivere nella storia: tre progetti per rinnovare abitazioni storiche di pregio

di Elena Fassio

Vivere nella storia: tre progetti per rinnovare abitazioni storiche di pregio

Antichi edifici con una storia secolare alle spalle prendono nuova vita grazie a restauri rispettosi e creativi, condotti con tecniche innovative per ritrovarne l’essenza

Ristrutturare un edificio storico significa conciliare l’essenza, i materiali e l’estetica arrivati dal passato con le esigenze e le normative di oggi. Una sfida che in un paese come l’Italia si presenta quotidianamente: a edifici di carattere pubblico, come chiese o musei, infatti, si affiancano le abitazioni private che vogliono tornare a nuova vita e vanno ristrutturate nel rispetto della sicurezza, della sostenibilità e dell’efficienza energetica.

Benessere e rispetto. «La ristrutturazione di un edificio storico di qualsiasi epoca va condotta con i criteri del restauro – spiega l’architetto Sante Bonitatibus, di Arkystudio -. Non bisogna stravolgere l’impianto della struttura né la tipologia rurale o urbana del fabbricato. Tuttavia, gli spazi devono diventare compatibili con le normative igienico–sanitarie e con gli standard di benessere abitativo moderno. Si devono raggiungere altezze minime, rapporti aero- illuminanti, costruire fondamenta dove mancano, rinforzare le pareti e i solai indeboliti dal tempo con iniezioni di malta o altre tecniche».

Efficienza. Per raggiungere elevati standard di comfort e sostenibilità, uno degli elementi fondamentali è l’isolamento termico e acustico della struttura. «Non potendo coibentare con pannelli esterni l’involucro, la scelta migliore è utilizzare pannelli interni, soprattutto nelle parti orizzontali, solai e tetti, e rivestire con intonaci a base di calce, un isolante antico e naturale che ben si accosta ai materiali architettonici storici per filosofia ed estetica» – continua l’esperto. Anche i serramenti giocano un ruolo chiave nell’efficientamento energetico: si possono infatti efficentare gli originali, oppure inserire nuovi infissi con materiali moderni ma in armonia con l’epoca della costruzione, come legno e metallo.

Colori e arredi. «Spesso, prima di poter rinnovare e riempire nuovamente uno spazio antico, è necessario decostruire e rimuovere le stratificazioni che si sono accumulate nei secoli. A meno che ovviamente lo strato più recente di un decoro o di un pavimento non sia ancora più pregevole del sottostante – spiega l’architetto Sabrina Saldo, dello studio Hom Architettura -. In ogni caso, è fondamentale non creare falsi storici ma accostare materiali in sintonia con l’organicità dell’edificio e lo spirito di chi abiterà gli spazi rendendo i nuovi elementi funzionali nei colori e nelle forme a bilanciare la porzione antica». Si possono, per esempio, scegliere parquet recuperati da altri edifici coevi, o cambiare totalmente stile e accostare arredi contemporanei e minimali, oppure colori vivaci e linee pop. «Quando si ha un grande soffitto affrescato o un ambiente con una lunga storia alle spalle, comunque, è bene non frazionarlo o snaturarlo, ma puntare su arredi originali e creativi, come cabine armadio o bagni contenuti in box all’interno della stanza – conclude l’esperta -. Mantenere la lettura integrale dell’ambiente originale, per giocare con gli spazi e aggiungere un ulteriore tassello a quella storia».

Vivere nella storia: tre progetti per rinnovare abitazioni storiche di pregio
Foto di Adriano Pecchio

Canonica altomedievale

di Arky Studio

Guarda il progetto sulla Rivista Digitale

Vivere nella storia: tre progetti per rinnovare abitazioni storiche di pregio
Foto di Marco Tacchini

Antica scuola langarola

di Alessandria Arredamenti

Guarda il progetto sulla Rivista Digitale

Vivere nella storia: tre progetti per rinnovare abitazioni storiche di pregio
Foto di Dario Muzzarini

Liberty torinese

di Andrea Castrignano

Guarda il progetto sulla Rivista Digitale

Articolo pubblicato su 100 Idee per Ristrutturare di Novembre 2022

Guarda i progetti sulla rivista digitale

© Riproduzione riservata.