Dalla parete al soffitto

di Elena Fassio

Dalla parete al soffitto
Il wallcovering Mimas di Glamora con la sua geometria a curve e l’uso grafico di texture naturali

Vivaci o tenui, astratte o realistiche, geometriche e tridimensionali. Le carte da parati avvolgono tutto il perimetro delle stanze per dare continuità allo spazio, sottolineandone i volumi e le funzionalità

La carta da parati è ormai un elemento caratterizzante per moltissimi progetti di interior design, qualunque siano il luogo di applicazione e il contesto, residenziale o dedicato al pubblico. Dai grandi open space alle stanze più raccolte, questo elemento magnetico può cambiare radicalmente la percezione dello spazio e definirne l’atmosfera. Con grafiche fantasiose ed esuberanti, dai colori vividi e brillanti, o con linee più meditative e nuance tenuti, la carta da parati riesce a raccontare la personalità di un ambiente e di chi lo vive.

Dalla parete al soffitto
La carta da parati antibatterica WP/ Acoustic si compone di speciali teli tecnici in fibra di vetro intrecciata, con un materassino fonoassorbente

«Tutto dipende da cosa si vuole ricreare all’interno, perché la carta da parati ha la capacità di dar vita a ogni tipo di texture, immagine e atmosfera – spiega l’architetto Annalisa Carli -. Si possono creare profondità e prospettive con disegni tridimensionali…

Articolo pubblicato su 100 Idee per Ristrutturare di Settembre 2023

Continua a leggere sulla rivista digitale

© Riproduzione riservata.