La transitorietà della bellezza naturale

di Paola Addis e Giorgia Bollati

Natura come filosofia

Asimmetrie, tinte opache e consunte, superfici imperfette. E poi una grande parete verde. La casa progettata dal fondatore dello studio di architettura Sergey Makhno Architects per la sua famiglia segue la filosofia del Wabi-sabi, visione estetica giapponese che ricerca una “bellezza imperfetta, transitoria”: in breve, naturale.

Il progettista ha ridisegnato le linee di un attico all’ultimo piano di un palazzo ucraino e, alle travi in legno grezzo del solaio, ha accostato il rivestimento in argilla naturale a parete…

Indirizzario web

www.mahno.com.ua

Articolo pubblicato su 100 Idee per Ristrutturare dicembre 2020 – gennaio 2021

Guarda il progetto sulla rivista digitale

© Riproduzione riservata.

Partner

I più letti

Un’idea facile e il bagno sembra un altro

L’estetica della placca Pucci, più piccola e sottile...

Giocare con gli spazi: tre proposte per ricavare due comodi bagni in un bilocale

Che si viva da soli o in coppia, un secondo bagno può...

Il piatto doccia c’è ma non si vede

Wedi Fundo Plano è un sistema per doccia filo paviment...

La divisione flessibile in stile industriale

Partizioni industrial Lo studio Pantùma di Cagliari...

La porta blindata si evolve

La cura per i dettagli e l'estetica nascondono l'anima...

100 Idee per Ristrutturare su Instagram