L’arte come luogo da abitare

di Giorgia Bollati

L'arte come luogo da abitare

In Turchia, un doppio appartamento diventa la casa di un artista che collabora con gli architetti Yerce Architecture & Zaas per creare uno spazio fluido e multifunzione

Studio, spazio espositivo, laboratorio di fotografia e casa: è multifunzione l’abitazione di un artista. Dove la personalità poliedrica di un fotografo abituato a organizzare mostre ed eventi, a lavorare a suoi scatti e a dare sfogo alla fantasia, è libera di esprimersi, nel comfort della sua stessa casa. In un quartiere densamente popolato di Smirne, in Turchia, un doppio appartamento, in un edificio di cinque piani, è stato trasformato in spazio duplex multifunzionale. Il proprietario ha collaborato con gli architetti degli studi di architettura Yerce Architecture & ZAAS per progettare una casa adatta ad accogliere ogni sua attività. All’ingresso, un ampio spazio aperto con un soffitto a doppia altezza connette i due livelli collegati da una scala: al primo piano, un ambiente fluido dedicato al lavoro e alla collaborazione; al piano superiore, il calore domestico di un salotto con caminetto.

L'arte come luogo da abitare
foto di Yerce Art Photography – Emin Emrah Yerce

L’ambiente espositivo, «caratterizzato da spazi aperti, in comunicazione con l’esterno», come sottolinea Ayça Taylan, architetto dello studio ZAAS, e da una mix di materiali freddi e metallici e superfici in legno, concentra l’attenzione sulle opere e sulla condivisione…

I progettisti

Nail Egemen Yerce ha studiato architettura alla Dokuz Eylül University, alla Istanbul Technical University e al Politecnico di Bari. Ha fondato lo studio di architettura Yerce Architecture nel 2011. Ayça Taylan ha studiato prima alla Instabul Technical University e poi al Politecnico di Milano. Ha fondato lo studio ZAAS nel 2016. Entrambi i professionisti si concentrano sull’incontro tra architettura e arte.

Indirizzario web

www.egemenyerce.com
www.za-as.com

Articolo pubblicato su 100 Idee per Ristrutturare luglio 2020

Guarda il progetto sulla Rivista Digitale

© Riproduzione riservata.