Scegliere la piscina ideale

di Paola Addis e Cecilia Toso

Che sia precostruita o customed, prima di realizzare una piscina si devono considerare molti aspetti tecnici, estetici ed economici. Anche a seconda di dove la si andrà a posizionare. Come racconta l’architetto Francesca Diano, «in giardino si dovrà valutare se il terreno ha bisogno di un rinforzo; su un terrazzo è importante invece ricordare che la piscina vi dovrà essere trasportata con una gru e che poi avrà un peso costante dovuto al carico d’acqua, che potrebbe richiedere sottostrutture di rinforzo». Scelto il luogo e verificati gli eventuali permessi richiesti dal comune, soprattutto sugli scarichi, è il momento di decidere tipologia e materiale.

Pubblicità

«Oggi tra le piscine sono sempre più diffuse le strutture in acciaio inox, che offrono una buona resa e anche durabilità». Oppure si può optare per le vetroresine. Tra i rivestimenti la scelta è ampia e legata all’effetto che si vorrà ottenere, ma anche alla necessità di limitare scoloramenti, fessurazioni o deterioramenti.

Non secondaria, inoltre, è la decisione relativa al sistema di purificazione e di riciclo dell’acqua. Al cloro o al sale? Con bocchette o a sfioro con caduta laterale dell’acqua? Discorso diverso invece per la fitodepurazione, che comporta progettazione strutturale ed estetica diverse.
In una piscina la parte tecnologica – pompe di calore che riscaldano l’acqua, filtri, sistema di ricircolo – è insieme al rivestimento quella più soggetta a usura e che richiede più manutenzione. È importante per esempio «controllare regolarmente i livelli di cloro, per verificare il funzionamento del sistema, e tutta l’impiantistica».

Per agevolare le operazioni è previsto quindi un vano tecnico, interrato ma accessibile, in cui incassare i macchinari. Infine, la copertura: «esistono sistemi molto interessanti, sottoforma sia di teli tecnici sia di soluzioni con lamelle in legno o altro materiale, spesso integrate all’interno delle piscine, chiuse o arrotolate su uno dei lati brevi». Mantengono il calore, riducono l’evaporazione dell’acqua e, durante il periodo invernale, tengono pulita la struttura ed evitano i danni degli agenti atmosferici. «Spesso sono calpestabili, in modo da poter utilizzare la superficie».

https://www.piscinecastiglione.it

https://www.gramaglia.it

© Riproduzione riservata.

Abbonati online

fino al 50% di sconto

100 Idee per Ristrutturrare Digital Edition 100 Idee per Ristrutturrare Apple App Sore 100 Idee per Ristrutturrare Google Play Store

Digital Edition

Disponibile su browser, tablet e mobile app iOS e Android.

Offerta Prova

3 numeri a soli 2,99 €

save papersave paper

Edizione Cartacea
+ Digital Edition

Scegli la comodità del cartaceo con in più la versione digitale.

Abbonati Ora

1 anno a soli 13,99 €

Partner

I più letti

Cantina o cantinetta?

Bella e funzionale, una cantinetta in casa può aiutare...

Legno e luce: formula vincente

Fluidità legnosa L’edificio costruito ad Amsterdam...

Parioli anni ‘20

Nel cuore di Roma, un raffinato appartamento anni ‘20...

Separare con il verde senza fermare la luce

Piante in verticale Un appartamento dal carattere a...

Nuove scenografie

Una testiera del letto multifunzionale e personalizzab...

100 Idee per Ristrutturare su Instagram